FINANZIAMENTO PER ACQUISTI DI MACCHINARI NUOVI (SABATINI-TER)

FINANZIAMENTO PER ACQUISTI DI MACCHINARI NUOVI (SABATINI-TER)

L’art. 2 D.L. n. 69/2013 ha previsto la concessione, a valere su un plafond di provvista costituito presso la gestione separata di Cassa depositi e prestiti S.p.a., di finanziamenti alle micro, piccole e medie imprese da parte di banche e intermediari finanziari per investimenti in macchinari, impianti, beni strumentali d’impresa, attrezzature, hardware, software e tecnologie digitali, nonché di un contributo, da parte del Ministero dello Sviluppo Economico, rapportato agli interessi calcolati sui predetti finanziamenti. Sulla materia è intervenuta la L. 232/2016 che:

–      proroga fino al 31.12.2018 il termine per la concessione dei finanziamenti di banche e intermediari finanziari;

–      rifinanzia la misura per complessivi 560 milioni;

–      introduce una riserva, pari al 20% dello stanziamento totale, finalizzata alla concessione di finanziamenti per l’acquisto da parte di piccole e medie imprese di impianti, macchinari e attrezzature finalizzati alla realizzazione di investimenti in tecnologie digitali e in sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti;

–      prevede, per gli investimenti di cui al punto precedente, una maggiorazione del contributo pari al 30% rispetto a quanto previsto per gli investimenti ordinari.

Pertanto, con decreto direttoriale Mise 22.12.2016, si è provveduto alla riapertura, a partire dal 2.01.2017, dei termini per la presentazione delle domande di accesso alle agevolazioni. Con la circolare Mise n. 14036/2017 sono state fornite le istruzioni necessarie alla corretta attuazione degli interventi, nonché gli schemi di domanda e di dichiarazione e l’ulteriore documentazione che l’impresa è tenuta a presentare per beneficiare delle agevolazioni. Le disposizioni si applicano a tutte le domande: pertanto, sia a quelle relative agli investimenti ordinari, sia a quelle relative agli investimenti in tecnologie digitali e in sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti, presentate dal 1.03.2017.

 

DOMANDA DI

AGEVOLAZIONE

  Domanda   ·   Domanda di agevolazione, redatta dal legale rappresentante dell’impresa proponente o da un suo procuratore.1

·   A corredo della richiesta di finanziamento, domanda di accesso al contributo.

       
  Allegati

da presentare

  ·   Nel caso in cui il modulo di domanda sia sottoscritto dal procuratore dell’impresa, copia dell’atto di procura e del documento di identità del soggetto che rilascia la procura.

·   Nel caso in cui l’impresa sia associata/collegata, prospetto recante i dati per il calcolo della dimensione d’impresa, secondo quanto previsto nel D.M. 18.04.2005, redatto utilizzando il “Prospetto per il calcolo dei parametri dimensionali” disponibile nella sezione “beni strumentali (nuova sabatini)” del sito www.mise.gov.it.

·   Nel caso in cui il contributo sia superiore a € 150.000, le dichiarazioni sostitutive di atto notorio in merito ai dati necessari per la richiesta delle informazioni antimafia rese dai soggetti sottoposti a verifica, utilizzando i modelli disponibili nella sezione “beni strumentali (nuova sabatini)” del sito www.mise.gov.it.

       
  Moduli   La domanda di agevolazione e i relativi allegati devono essere compilati utilizzando esclusivamente i moduli disponibili nella sezione “BENI STRUMENTALI (NUOVA SABATINI)” del sito Internet www.mise.gov.it.
         
PRESENTAZIONE   Decorrenza   La domanda può essere presentata dal 1.03.2017.
       
  Modalità   ·   La domanda di agevolazione, da utilizzare anche per la richiesta di finanziamento, deve essere presentata:

–  in bollo, tranne nei casi di domande appartenenti ai settori agricoli e della pesca;

–  in formato elettronico;

–  sottoscritta mediante firma digitale dal legale rappresentante unitamente all’ulteriore documentazione eventualmente necessaria;

–  esclusivamente a mezzo posta elettronica certificata (PEC) agli indirizzi delle banche/intermediari finanziari aderenti alla convenzione.

·   La data di apposizione della firma digitale sul modulo di domanda deve essere precedente o contestuale alla data della PEC che certifica la trasmissione della domanda di accesso alle agevolazioni alle banche/intermediari finanziari.

       
  Destinatari   ·   L’elenco delle banche/intermediari finanziari aderenti alla convenzione, di volta in volta aggiornato, è pubblicato nei siti Internet del Ministero www.mise.gov.it e di ABI www.abi.it.

·   L’elenco delle banche/intermediari finanziari che abbiano sottoscritto un Contratto di Finanziamento Quadro, ai sensi della convenzione, è pubblicato sul sito Internet di CDP www.cdp.it, di volta in volta aggiornato.

 

Nota1 All’atto della presentazione della domanda non devono essere presentati preventivi né fatture o altri titoli di spesa.